01/03/2024

Fattura da psicologo: guida aggiornata alle attuali normative

Carlo Alberto Gaetaniello

circa 5 minuti

computer mostra ricerca sulle fatture per psicologi

Gli psicoterapeuti rivestono un ruolo fondamentale nell'assistere le persone ad affrontare le loro sfide emotive e psicologiche. Tuttavia, oltre alla loro pratica clinica, devono affrontare compiti amministrativi essenziali. La fatturazione rappresenta un elemento chiave di questa gestione amministrativa, richiedendo precisione e attenzione. Questo articolo si propone di offrire una guida esaustiva sulla gestione della fatturazione per gli psicoterapeuti, fornendo consigli pratici e risorse utili per semplificare questo processo essenziale.

Fattura dello psicologo: quali informazioni inserire

La fatturazione rappresenta un aspetto cruciale nella pratica della psicoterapia, poiché fornisce un documento legale che documenta i servizi forniti ai pazienti insieme alle relative spese. Le fatture devono includere una serie di elementi essenziali per garantire la conformità legale e la chiarezza delle transazioni. Tra questi elementi fondamentali vi sono:

  • il nome e l'indirizzo del o della psicoterapeuta;
  • il numero di registrazione;
  • il nome del paziente;
  • la data della fattura;
  • i dettagli dei servizi resi;
  • l'importo dovuto. 

Con Serenis, è possibile gestire la fatturazione in modo efficiente e professionale direttamente dal sito web o dall'app dedicata, offrendo un risparmio di tempo prezioso e potenziando la pratica clinica. Questa soluzione intuitiva semplifica la gestione amministrativa dell'attività, garantendo al contempo maggiore tranquillità e efficienza operativa.

È importante emettere una fattura dello psicologo al completamento di ogni servizio fornito al paziente o al cliente. Questo documento attesta che il servizio è stato erogato e pagato, risultando essenziale ai fini della rendicontazione fiscale. Inoltre, è fondamentale rispettare l'obbligo del consenso informato dei pazienti durante le consulenze psicologiche.

Le normative attuali offrono una certa flessibilità nel processo di emissione delle fatture dello psicologo, consentendo di emetterle entro 12 giorni dal completamento del servizio. Tuttavia, se il pagamento viene ricevuto in anticipo o come acconto, è necessario emettere la fattura dello psicologo il giorno stesso in cui avviene il pagamento, anche se il servizio non è ancora stato completamente erogato.

Infine, è importante conservare sempre due copie della fattura, sia cartacee che digitali: una da inviare al paziente e l'altra da conservare per fini di archiviazione. Queste pratiche assicurano la trasparenza delle transazioni e la conformità legale nella gestione della documentazione finanziaria.

Psicologo di Serenis ricerca informazioni per fattura

Creazione della fattura dello psicologo

La creazione di una fattura richiede precisione e attenzione ai dettagli per garantire la conformità alle normative fiscali. Seguire correttamente i passaggi chiave è essenziale per emettere fatture valide e legalmente riconosciute.

  • Prima di tutto, assicurati che la fattura contenga tutte le informazioni obbligatorie precedentemente elencate, tra cui il nome e l'indirizzo del professionista, il numero di registrazione, il nome del paziente, la data della fattura, i dettagli dei servizi resi, l'importo dovuto e le eventuali imposte come l'IVA.
  • La numerazione progressiva delle fatture è cruciale e può seguire diverse modalità, come un numero incrementale anno dopo anno o il reset all'inizio di ogni nuovo anno. Ad esempio, potrebbe essere indicata come "n. 1/2024", "n. 2/2024", e così via. È fondamentale evitare errori nella sequenza numerica delle fatture, soprattutto considerando l'invio tramite sistemi come Tessera Sanitaria o il sistema di fatturazione elettronica (puoi consultare questo articolo), poiché una volta registrate, le fatture non possono essere modificate.
  • Secondo la legge, è obbligatorio includere il nome e il cognome della persona a cui è destinata la fattura, sia che si tratti di servizi sanitari che di altre prestazioni. Anche i pazienti minorenni hanno diritto a ricevere una fattura a loro nome se il servizio è stato erogato a loro, mentre se il pagamento è effettuato da un genitore, è possibile indicare il nome del genitore sulla fattura. Tuttavia, è importante specificare chi sia il vero beneficiario del servizio, solitamente indicato nella descrizione del servizio o in una nota aggiuntiva.

Seguendo attentamente questi passaggi, è possibile garantire la corretta emissione delle fatture e rispettare le disposizioni fiscali in vigore, assicurando al contempo una gestione efficiente e trasparente della documentazione finanziaria.

La fatturazione elettronica è obbligatoria?

A partire dal 1 luglio 2022, i terapeuti che operano sotto il regime forfettario e hanno registrato un reddito superiore a € 25.000 nel 2021 devono emettere fatture elettroniche, eccetto per i servizi sanitari forniti a pazienti privati.

Per coloro che non hanno superato la soglia di € 25.000 nel 2021, l'obbligo della fatturazione elettronica entrerà in vigore solo dal 1 gennaio 2024. Si precisa che la fatturazione elettronica rimane vietata per tutte le prestazioni rivolte a persone fisiche.

Fatture cumulative: come funziona?

Le fatture cumulative sono emesse quando un paziente paga più sedute o prestazioni in una volta sola. Ad esempio, se il paziente salda quattro sedute con un unico pagamento, il terapeuta può emettere una fattura unica per l'intero importo.

Oppure, alla fine di ogni mese, il professionista può combinare tutte le prestazioni svolte in un'unica fattura. La fattura viene emessa al completamento della prestazione o al momento del pagamento, se questo avviene prima.

psicologo di Serenis emette una fattura cumulativa

Cassa previdenza per gli psicologi: è obbligatorio?

La questione della cassa previdenza per gli psicologi in fattura è un aspetto di rilievo per i professionisti che esercitano la libera professione. L'applicazione della rivalsa ENPAP, pari al 2% dell'imponibile della prestazione, è un obbligo che deve essere considerato attentamente.

L'iscrizione all'ENPAP deve avvenire entro 90 giorni dalla data di incasso del primo compenso. Il contributo ENPAP rappresenta una misura integrativa obbligatoria che ogni psicologo o psicoterapeuta deve versare. Questo contributo è finalizzato a coprire varie spese, tra cui l'assistenza sanitaria integrativa, le indennità per malattia o infortunio e a determinare l'importo della pensione del professionista.

Per calcolare correttamente il contributo ENPAP in fattura, è essenziale valutare se il compenso ricevuto è al lordo o al netto del contributo previdenziale.

  • Nel primo caso, il contributo ENPAP viene scorporato dall'importo ricevuto, mentre nel secondo caso viene aggiunto al compenso percepito. Ad esempio, su un compenso di 100 euro, se il contributo ENPAP è al lordo, l'importo dell'imponibile sarà di 98,04 euro, con un contributo ENPAP da versare all'Ente pari a 1,96 euro.
  • Se invece il contributo ENPAP è al netto, verrà aggiunto al compenso percepito, ad esempio su un compenso di 100 euro, si aggiungeranno 2 euro per il contributo ENPAP, portando il totale in fattura a 102 euro.

Per i contribuenti che operano sotto il regime forfettario, il 2% ENPAP sarà calcolato anche sull'eventuale riaddebito dell'imposta di bollo, che ammonta a 2 euro.

Tariffe e pagamenti

La determinazione delle tariffe per i servizi di psicoterapia è un passo fondamentale nella gestione della fatturazione. Ecco alcuni punti da considerare.

Punto da considerareDescrizione
Determinazione delle tariffe competitiveEffettua una ricerca di mercato per comprendere le tariffe medie nella tua area geografica. Considera il tuo livello di esperienza, le qualifiche e la domanda per i tuoi servizi al momento di stabilire le tariffe. Assicurati che le tariffe riflettano il valore offerto come psicoterapeuta.
Tariffe flessibiliOffri tariffe flessibili o piani di pagamento per soddisfare le esigenze finanziarie diverse dei pazienti. Questo aiuta ad ampliare il pubblico e a garantire che i pazienti possano accedere ai servizi senza eccessive difficoltà finanziarie.
Modalità di pagamentoAccetta diverse modalità di pagamento per rendere più semplice per i pazienti saldare i costi dei servizi. Le opzioni comuni includono bonifico bancario, carte di credito/debito, pagamenti online e assegni. Comunica chiaramente queste opzioni ai pazienti per garantire una trasparenza finanziaria e prevenire malintesi riguardo ai costi dei servizi.

Assicurati di personalizzare le tariffe e le opzioni di pagamento in base alle esigenze della tua pratica e della tua clientela.

Tasse e imposte

La gestione delle tasse e delle imposte è un aspetto cruciale della fatturazione per gli psicoterapeuti. Seguire le leggi fiscali e rispettare gli obblighi tributari è essenziale per evitare problemi legali. Ecco cosa devi sapere:

AspettoDescrizione
Imposte sul RedditoLe imposte sul reddito rappresentano una parte significativa delle tasse che uno psicoterapeuta deve pagare. Bisogna calcolare l'imposta dovuta in base alle aliquote fiscali applicabili e rispettare i tempi di versamento.
IVA o Altre Imposte sulle VenditeSe la tua giurisdizione applica l'IVA o altre imposte sulle vendite ai servizi di psicoterapia, devi raccogliere tali imposte dai pazienti e versarle alle autorità fiscali come richiesto.
Deducibilità delle SpeseGli psicoterapeuti possono beneficiare di spese deducibili che riducono il reddito imponibile, come l'affitto dell'ufficio, la formazione professionale e i costi di iscrizione a ordini professionali.

Tipi di fattura per psicologo e regimi fiscali

La determinazione dell'IVA per uno psicoterapeuta varia in base al regime fiscale adottato e alla natura dei servizi forniti.

Regime FiscaleNaturale delle PrestazioniAliquota IVABase Imponibile per l'IVANote
Prestazioni SanitariePrestazioni sanitarie, come la seduta di psicoterapia individuale, di coppia, di gruppo o familiareEsenteN/ANon soggetto a IVA
Prestazioni Non SanitariePrestazioni come attività di docenza, colloqui per selezione del personale, supervisione ai colleghi22%Compensazione + ENPAPSoggetto a IVA del 22% sulla base imponibile (compensazione + ENPAP)
Regime ForfettarioTutte le prestazioniEsenteN/AEsenzione IVA e semplificazioni fiscali, aderendo a determinati requisiti e limiti di ricavi
Regime SemplificatoSolo prestazioni non sanitarie22% (forfettario sugli incassi)IncassiApplicabile solo per prestazioni non sanitarie, semplificando le procedure amministrative e contabili

Regime forfettario

  • Definizione e accesso
    • Il regime forfettario è un regime fiscale agevolato destinato alle persone fisiche che svolgono attività d'impresa, arti o professioni in forma individuale.
    • Per accedere al regime forfettario, gli psicoterapeuti devono soddisfare i seguenti requisiti:
      • esercitare l'attività di psicologo in forma individuale;
      • non superare, nell'anno precedente, i limiti di ricavi o compensi stabiliti a 85.000 €;
      • non essere soggetti a esclusioni specifiche.
  • Vantaggi del regime forfettario
    1. Semplificazione fiscale e contabile
      • I forfettari sono esentati da alcuni adempimenti fiscali e contabili, come la tenuta delle scritture contabili, la fatturazione elettronica e la dichiarazione IVA. In questo regime, la gestione della Partita IVA dello psicologo risulta semplificata, consentendo una maggiore focalizzazione sull'erogazione dei servizi e sull'assistenza ai pazienti.
    2. Imposta sostitutiva
      • L'imposta sul reddito è determinata forfettariamente, applicando un'aliquota del 15% ai ricavi o compensi conseguiti.
    3. Agevolazioni contributive
      • Coloro che aderiscono al regime forfettario possono usufruire di un regime contributivo agevolato, che prevede un'aliquota contributiva ridotta.
    4. Esenzione IVA
      • Gli psicoterapeuti in regime forfettario sono esentati dall'IVA, indipendentemente dalla natura della prestazione svolta.
      • Per aderire al regime, è necessario presentare un'apposita opzione all'Agenzia delle Entrate entro il 30 aprile dell'anno in cui si intende iniziare a fruire del regime. Il superamento dei limiti di ricavi o compensi comporta la perdita del diritto di applicare il regime forfettario dall'anno successivo.

Regime semplificato

  • Definizione e caratteristiche
    • Il regime semplificato è un approccio fiscale adottato da alcuni contribuenti, come liberi professionisti e piccole imprese, per semplificare le procedure contabili e fiscali.
    • Caratteristiche principali del regime:
      • regole più snelle rispetto al regime ordinario, riducendo la complessità burocratica e semplificando la gestione delle imposte;
      • calcolo forfettario dell'IVA sugli incassi, semplificando il monitoraggio e il pagamento delle imposte;
      • fatturazione più agevole, con meno obblighi dettagliati rispetto al regime ordinario.
  • Vantaggi del regime semplificato
    1. Semplificazione amministrativa
      • Riduzione della complessità delle procedure amministrative e contabili, con minori adempimenti fiscali rispetto al regime ordinario.
    2. Flessibilità nei pagamenti IVA
      • L'IVA viene calcolata in misura fissa in base agli incassi, eliminando la necessità di calcolare l'IVA su base trimestrale o annuale.
    3. Costi di gestione ridotti
      • Minor costo associato alla gestione fiscale e contabile, poiché ci sono meno compiti contabili e amministrativi da svolgere.

Confronto tra regime forfettario e regime semplificato

AspettoRegime ForfettarioRegime Semplificato
Applicabile aAttività d'impresa, arti o professioni in forma individualeLiberi professionisti, piccole imprese
AccessoSoggetti che rispettano requisiti specificiAccessibile a chiunque ne faccia richiesta
Semplificazione fiscale e contabileEsente da alcuni adempimenti fiscali e contabiliRiduzione della complessità amministrativa
Allocazione dell'IVAEsente dall'IVACalcolo forfettario dell'IVA sugli incassi
FatturazioneSemplificataMeno obblighi rispetto al regime ordinario
Aliquota IVAEsenteForfettaria sugli incassi
Limiti di volume d'affariLimitato a 85.000 €Solitamente entro determinati limiti di volume d'affari
Adatto aAttività di dimensioni moderate con necessità di semplificazione fiscaleAttività con volume di affari entro certi limiti

Fattura sanitaria: cos'è?

La fattura sanitaria rappresenta un fondamentale documento contabile emesso dai terapeuti in occasione della erogazione di prestazioni di natura sanitaria, comprendendo diagnosi, trattamenti e processi riabilitativi. Questo tipo di fatturazione riguarda una vasta gamma di servizi offerti dai terapeuti, quali:

ServizioDescrizione
Psicoterapia individuale, di coppia o familiareTrattamenti psicologici per individui, coppie o famiglie per risolvere problemi personali e relazionali.
Colloqui psicologiciIncontri per risolvere varie problematiche psicologiche, come difficoltà di apprendimento e conflitti interpersonali.
Colloqui psicodiagnosticiValutazione di specifiche condizioni psicopatologiche tramite l'analisi di comportamenti, pensieri ed emozioni.
Consultazioni psicologicheSupporto e consigli su questioni individuali, di coppia o familiari per favorire comprensione e risoluzione.
CertificazioniDocumenti ufficiali per garantire la salute psicologica del paziente, come certificati di idoneità psicofisica.
Test psicoattitudinaliSomministrazione e interpretazione di test per valutare abilità e caratteristiche psicologiche dell'individuo.

Un aspetto rilevante riguardo alle prestazioni sanitarie è la loro esenzione dall'applicazione e dal pagamento dell'IVA, distinguendosi quindi da altre tipologie di fatturazione. La fattura sanitaria assume un ruolo cruciale nell'assicurare la tracciabilità e la conformità alle normative relative alla salute mentale e al benessere psicologico.

Fattura psicologo CTP: di cosa si tratta?

L’acronimo CTP, sta per Consulente Tecnico di Parte: si riferisce alla posizione di uno psicoterapeuta all'interno di contesti giudiziari. Questo ruolo implica l'analisi della personalità di un individuo coinvolto in un procedimento legale, valutando se eventuali condizioni psicologiche abbiano influenzato il comportamento oggetto di discussione in tribunale.

La nomina di un Consulente Tecnico di Parte è autorizzata dal Giudice e finanziata dalle parti coinvolte nel processo giudiziario, che si assumono l'onere di coprire gli onorari professionali del consulente designato.

L'emissione di una fattura come CTP segue le norme standard per le prestazioni non sanitarie:

Elementi della Fattura CTPDescrizione
ImportoL'importo totale addebitato per la consulenza tecnica fornita come Consulente Tecnico di Parte (CTP).
2% ENPAPContributo ENPAP del 2% sull'importo della fattura.
Marca da bollo (se necessario)Se l'importo della fattura supera la soglia stabilita, la marca da bollo è obbligatoria.
Ritenuta d'acconto (solo regime semplificato)Nel regime fiscale semplificato, è applicata una ritenuta d'acconto del 20%.
IVA (solo regime semplificato)Nel regime fiscale semplificato, l'IVA è applicata in base alle aliquote fiscali vigenti.

Fattura dello psicologo per stranieri

La fatturazione a soggetti stranieri presenta alcune peculiarità da considerare. Innanzitutto, si definisce "straniero" sia un soggetto non italiano con un codice fiscale o partita IVA esteri, sia un italiano residente all'estero che paga le tasse in un paese diverso dall'Italia.

Nel processo di creazione della fattura, è importante indicare la nazionalità estera del cliente fin dall'inizio. Questo disattiverà il controllo formale sui campi del codice fiscale e della partita IVA, consentendo di inserire altri riferimenti come codici fiscali stranieri o numeri di previdenza. In mancanza di tali riferimenti, si possono inserire semplicemente quattro zeri ("0000").

Se la fattura è destinata a un soggetto straniero privato, è consigliabile attivare l'opposizione al Sistema Tessera Sanitaria (STS). In questo modo, tutte le fatture, comprese quelle per pazienti stranieri, vengono inviate a STS per una migliore gestione dell'attività professionale.

Tuttavia, alcuni commercialisti potrebbero ritenere che l'invio delle fatture di soggetti stranieri a STS non sia necessario. In tal caso, è possibile attivare il "blocco STS" tramite il software utilizzato per la gestione delle fatture, garantendo che le fatture destinate a clienti stranieri non vengano trasmesse a STS.

Fatture per bonus psicologo

Quando si tratta di emettere fatture in seguito a prestazioni pagate attraverso il bonus psicologo, è essenziale seguire precise indicazioni operative. Anche nel caso del bonus psicologo per psicoterapeuti.

Se l'intero pagamento della prestazione è coperto dal bonus psicologo, la fattura deve essere compilata come consueto. È obbligatorio includere un codice univoco fornito dal paziente che ha diritto al bonus, oltre a menzionare la legge di riferimento che regola il bonus psicologo.

Nel caso in cui solo una parte del pagamento venga effettuata tramite il bonus, è consigliabile distinguere chiaramente la parte coperta dal bonus da quella pagata direttamente dal paziente. Questa distinzione è rilevante solo per la gestione del pagamento e non ha impatto fiscale. La fattura dovrebbe essere compilata inizialmente in modo standard fino al calcolo dell'importo totale. Successivamente, si dovrebbe specificare la modalità di pagamento, ad esempio, specificando quali importi verranno coperti dal bonus e quali saranno pagati direttamente dal paziente.

Una volta preparata la fattura, deve essere inserita sulla piattaforma INPS, indicando il codice univoco, il numero della fattura, la data e l'importo. L'INPS verificherà i dati e pagherà l'importo dovuto direttamente allo psicoterapeuta entro il mese successivo. Per richiedere il bonus psicologo all'INPS, è necessario seguire attentamente le procedure indicate e fornire tutti i dati richiesti in modo accurato e tempestivo.

Si sottolinea che le fatture emesse per servizi sanitari a pazienti privati devono essere cartacee, non elettroniche, anche se il pagamento avviene tramite il bonus psicologo. Inoltre, è fondamentale considerare che il bonus copre fino a €50 per ogni seduta, e il numero di sedute dipende dall'ISEE del paziente.

Se ti ritrovi in ciò che facciamo, puoi candidarti per collaborare con noi: siamo un centro medico autorizzato. Il cuore del nostro servizio online sono più di mille tra psicoterapeuti e psicoterapeute che lavorano su Serenis perché vogliono farlo. Scopri cosa ci trovano in noi. Siamo a soltanto un link di distanza.

Autore

Carlo Alberto Gaetaniello

Director of Business Development

Approccio:

Titolo di studio

Master of Science

Descrizione

Lavoro da sempre nel settore della tecnologia e dello sviluppo di prodotti digitali e oggi applico le mie competenze tecniche al mondo della salute mentale. Specializzato in tematiche associate alla professione dello psicologo, ottimizzazione gestionale e sviluppo di competenze digitali applicate alla terapia.

Revisionato da

Luigi Recchioni

Dottore Commercialista, Consulente Fiscale e Societario specializzato in ambito sanitario

Approccio:

Titolo di studio

Laurea in Economia e Commercio e Laurea in Giurisprudenza

Descrizione

Dottore commercialista, ha maturato esperienze in ambito sanitario sin dagli Anni 90, assistendo imprese ed enti che operano nella sanità, quali produttori di impianti medicali e di farmaci, gestori di strutture sanitarie, imprese di costruzione, fondazioni ed enti di ricerca che operano in tale ambito. Ha inoltre ricoperto e ricopre la carica di revisore e sindaco in società, anche multinazionali, ed enti di rilevanza nazionale che operano in sanità.

Ricevi le ultime notizie, le novità e le scadenze da non perdere per i professionisti della salute mentale.

Inserisci qui il tuo indirizzo e-mail

Raccogliamo ed elaboriamo i tuoi dati personali per poterti inviare aggiornamenti sui nostri prodotti e sul settore. Per avere più info su, leggi qui.

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.